link.png Il Nazioni in lutto, morto pilota inglese


Connor Smith, diciotto anni, è morto a seguito dell'incidente occorsogli al primo giro della manche inaugurale del Quadcross delle Nazioni Europee di Cingoli. Non ci sono parole per descrivere lo stato d'animo che si respira ovunque, presso il...

Connor Smith, diciotto anni, è morto a seguito dell'incidente occorsogli al primo giro della manche inaugurale del Quadcross delle Nazioni Europee di Cingoli. Non ci sono parole per descrivere lo stato d'animo che si respira ovunque, presso il crossodromo marchigiano.

La gara, proseguita dopo l'intervento dei medici di pista, si è conclusa correttamente ma appena la bandiera a scacchi è stata esposta, la cronaca e la gioia per il secondo e terzo posto finale di Andrea Junior Cesari e Nicola Montalbini – maturata anche in seguito della squalifica di Edgars Mengelis, che proprio durante l'incidente occorso a Connors Smith ha sorpassato in regime di bandiere gialle e bianco-crociate – è passata in secondo piano, trasformando l'atmosfera in una spasmodica attesa sulle condizioni di salute del forte pilota britannico che, con tutto il rispetto per le prestazioni dei nostri piloti e degli avversari, ha da subito preso il sopravvento.

IMG_9692

Purtroppo, però, dopo l'obbligato periodo di rianimazione, è giunta la terribile notizia: Connor Smith non ce l'ha fatta. Unanime il coro di piloti sia nell'ambito del quad sia dei sidecar, con l'ovvio lutto e la sospensione provvisoria della manifestazione.

Tutto lo staff della Maglia Azzurra FMI, il Coordinatore del Comitato Quad Antonio Assirelli, i piloti, i team manager, i meccanici, i famigliari dei sei piloti, l'ufficio stampa, i medici e tutti i rappresentanti federali occorsi per seguire i nostri portacolori, si stringono attorno alla famiglia di Connor e non possono che unirsi con dolore infinito al lutto, condividendo senza esitazione alcuna qualsiasi decisione la Direzione Gara intenderà seguire per il programma di giornata.

 

Per l'Ufficio Stampa FMI Quad,
Andrea De Beni, Stefano Ariotti e Filippo Mingardi