link.png Italia ottava al Nazioni 2015 di Schwedt


CompaOttavi. Nella classifica sidecar ed in quella quad. La Maglia Azzurra quad e sidecar lascia Schwedt e la freddissima Germania con questo risultato. Che se per i sidecar regala una soddisfazione enorme, per i quad lascia invece un po' di amaro in bocca, soprattutto alla luce dei risultati nelle qualifiche di sabato che vedevano l'Italia in sesta posizione e con grandi possibilità di rimonta. I sidecar invece sabato sera erano decimi e anche per questo l'ottavo posto è davvero un grande risultato.

11 ottobre 2015 – Il risultato della Maglia Azzurra dei sidecar è eccezionale. Ottavi assoluti dietro a quelli che sono considerati mostri sacri di una disciplina che vede negli olandesi – ancora una volta – i vincitori. Secondo posto per la Gran Bretagna e terzo per il Belgio che paga cara una squalifica in gara 2 per aver sostituito il sidecar di un equipaggio con quello dell'altro in pre parco. Quarta posizione per la Repubblica Ceca e quinta per l'Estonia.

La sfortuna invece ha colpito la squadra tricolore quad proprio nella terza ed ultima gara della giornata. Andrea Cesari che era partito davanti a tutti è stato costretto al ritiro dopo circa sette minuti di gara per un forte dolore al braccio, per un colpo preso ad inizio gara, mentre Simone Mastronardi si è fermato a 5 minuti dalla fine del tempo regolamentare per un problema al motore. Ma nonostante l'ultima gara, l'Italia conquista un ottavo posto dopo aver cominciato la giornata sesta assoluta. La vittoria va all'Olanda – anche nei quad – mentre uno strepitoso Edgars Mengelis regala un grande secondo posto alla Lettonia. La Germania A è terza sulla Polonia e l'Estonia quinta mentre l'Irlanda che aveva cominciato la giornata in prima posizione si ritrova settima. 
La pista di Schwedt è stata davvero impegnativa: fin dal warm up di stamattina i piloti si sono resi conto che l'impresa sarebbe stata enorme visto che neanche la temperatura sotto zero della notte aveva 'rassodato' la sabbia del tracciato. Nella prima gara della giornata per i sidecar i nostri equipaggi avevano ottenuto un 14° con Pozzi-Ceresa e un 18° con Luca e Marco Bernardini. Poi in Gara 2 a Pozzi Ceresa è stato chiuso il cancello del pre parco in faccia, per colpa dell'equipaggio belga che aveva ostruito il passaggio, con il suo scambio, tra l'altro non autorizzato, di sidecar facendo arrivare gli italiani con 20 secondi di ritardo. A nulla sono serviti i reclami e le rimostranze. I tedeschi sono stati irremovibili e così Compalati-Piana sono partiti da soli, in rappresentanza dell'Italia nella gara, chiudendo 15esimi. In Gara 3 la pista era veramente in condizioni disastrate ma i piloti hanno stretto i denti finendo in 13. e 18. posizione. Grazie alla loro tenacia e caparbia l'Italia dei sidecar ha conquistato un meraviglioso ottavo posto assoluto.
Gara 1 dei quad era cominciata bene con un quarto posto per Andrea Cesari – in lotta fino all'ultimo secondo per la terza posizione con il britannico Cooper - e un 21° per Nicola Ciceri. Gara 2 non era andata troppo male e Mastronardi era riuscito a chiudere 12° assoluto con Ciceri diciannovesimo. A quel punto l'Italia era settima con la possibilità di recuperare sull'Irlanda sesta, ma la sfortuna ci ha messo lo zampino. Al via Cesari scattava davanti a tutti e controllava gli attacchi degli avversari più agguerriti, pur scivolando in quarta posizione. Poi un colpo forte, con il manubrio che 'sbacchetta' e il polso che ammortizza l'urto, ma a caro prezzo. Cesari si ferma e tocca a Mastronardi, che nel frattempo è stato coinvolto in un tamponamento in partenza, reggere le sorti dell'Italia. Recupera posizioni, ma quando sembra poter risalire in classifica il suo motore lo abbandona e il quad si ferma. Punteggio altissimo e l'Italia si ritrova con 81 punti complessivi, che le consentono un ottavo posto, dietro l'Irlanda.